Fiume Candigliano


Regione Marche, provincia di Pesaro e Urbino. Lungo circa 60 chilometri. Affluente del fiume Metauro in località Calmazzo di Fossombrone. Nasce nel Monte Valmeronte (978 metri) e nei primi chilometri del suo percorso segna il confine con la Provincia di Perugia da dove provengono alcuni ruscelli tributari. Sono suoi affluenti principali il Fiume Burano e il torrente Biscubio. Classificato di cat.”A” (Salmonidi) dal confine provinciale fino al ponte sulla Strada Provinciale Apecchio-Sant’Angelo (località San Martino), di cat.”B” (Mista) fino a Ponte di Ferro (Acqualagna), di cat.”C” (Ciprinidi) il rimanente tratto a valle. Nei tratti “A” e “B” è necessario, oltre la licenza di pesca, il Tesserino Segnacatture Regionale. Nell’abitato di Piobbico (cat.”B”) è in vigore una Zona No-Kill aperta a tutte le tecniche di pesca, dalla confluenza del Fiume Burano fino a Ponte di Ferro (Acqualagna, cat.”B”) è in vigore una zona No-Kill riservata alla pesca a mosca e allo spinning, nella Riserva Naturale Statale del Furlo (cat.”C”) vige il Divieto di Pesca tranne un tratto in sponda sinistra dove è possibile pescare in modalità No-Kill secondo il regolamento stilato dall’Ente Parco. Il tratto compreso tra Piobbico e Acqualagna è utilizzato come Campo Gara per manifestazioni provinciali. 2017

Read more:
Trote nei fiumi Bosso e Burano – 2013